Mafia: Ministro Romano rinviato a giudizio

Il ministro dell'Agricoltura Saverio Romani è ufficialmente indagato per Mafia: questo è quanto si apprende dalla Procura della Repubblica di Palermo che ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio, imputando formalmente per concorso in associazione mafiosa, il neo ministro.

Per i pm che hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio, il ministro Romano avrebbe nel tempo sostenuto Cosa nostra e avuto rapporti diretti o mediati con diversi elementi di spicco dell'associazione mafiosa. "Nella sua veste di esponente politico di spicco, prima della Dc e poi del Ccd e Cdu e, dopo il 13 maggio 2001, di parlamentare nazionale - scrivono i magistrati - Romano avrebbe consapevolmente e fattivamente contribuito al sostegno ed al rafforzamento dell'associazione mafiosa, intrattenendo, anche alla fine dell'acquisizione del sostegno elettorale".

Infine il ministro, assieme all'ex governatore siciliano Totò Cuffaro, avrebbe assecondato le richieste del capomafia Nino Mandalà inserendo Giuseppe Acanto nelle liste dei candidati del Biancofiore per le regionali del 2001, «nella consapevolezza di esaudire desideri di Mandalà e, più in generale, della famiglia mafiosa di Villabate».

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca