Windjet, o l'accordo con Alitalia o il fallimento

Ritardi che superano le quattro ore, domenica 5 agosto, per i voli WindJet in partenza da Roma Fiumicino e Milano Linate. Il tutto con i passeggeri in ansia anche perché la compagnia siciliana potrebbe sopravvivere ancora per poche ore prima dello stop all’attività causa crac. La dead line data dall’Enac è infatti fissata per domani.

La compagnia è dunque sull’orlo del fallimento, a meno di un accordo sul filo di lana per la fusione con Alitalia. Nessuna dichiarazione sull'operazione sinora da parte di Alitalia, ma da fonti vicine alla compagnia si è appreso che c'è un "grande impegno per il raggiungimento di un accordo, nonostante le inadempienze di Windjet e le pesanti decisioni dell'Antitrust", a cui il vettore guidato da Roberto Colaninno e Andrea Ragnetti ha chiesto un incontro a breve.

Se dovesse saltare l'operazione, i voli Windjet rischiano di rimanere a terra, con seri problemi per i 500 lavoratori della compagnia (di cui 400 in caso di accordo dovrebbero essere assorbiti da Alitalia) e 300 dell'indotto. Alitalia dovrebbe comunque farsi carico dei passeggeri in quanto Windjet avrebbe continuato a vendere biglietti su richiesta di Alitalia quando ancora non prevedeva complicazioni per un accordo.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca