Approvato all'Ars ddl su sanatoria coste. Insorge il Pdl

Approvato all'ARS con 9 voti favorevoli su 14 il ddl, presentato da Francesco Musotto e Paolo Ruggirello (Mpa), che definiscono indirizzato "al recupero e alla valorizzazione delle coste siciliane".

Il testo prevede che gli edifici realizzati entro i 150 metri dalla battigia sulle fasce costiere siciliane in epoca successiva al 31 dicembre 1976, senza concessione edilizia o in difformità da questa, potranno essere conservati ed ammessi a sanatoria. Il provvedimento ha sollevato la reazione dell’opposizione che se l’è presa con il Partito democratico. Non si è fatta attendere la dichiarazione del coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Castiglione: «Dov’è finito il Pd, innaturale alleato del Mpa, e la sua sbandierata foga ecologista?».

A poche ore dal voto, il Pd siciliano in un comunicato stampa evidenzia che "il ddl è stato approvato in commissione Territorio e Ambiente all’Ars durante l’assenza degli esponenti del Pd, che non hanno partecipato in alcun modo alla stesura del testo, e non lo condividono», si legge nel testo diffuso dagli esponenti del Pd. «Il partito è sempre stato impegnato, e continua ad esserlo, nella promozione di politiche per la legalità e per il rispetto, la valorizzazione e la tutela dell’ambiente: pertanto, se questo disegno di legge arriverà in aula, troverà la nostra contrarietà». Voto contrario al provvedimento dovrebbe arrivare anche dal Pdl, come dichiarato dallo stesso Castiglione.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica