Armao: "Crescita Sicilia passa da legalità e sviluppo"

"Dobbiamo saper coniugare la tutela della legalita' ed il sostegno allo sviluppo, far prevalere la linea secondo la quale la Sicilia puo' crescere economicamente solo cosi'".

Lo ha detto l'assessore per l'Economia Gaetano Armao, intervenendo al convegno sulla tracciabilita' dei capitali e la lotta al riciclaggio tenutosi nei locali della Banca d'Italia di Palermo.

Nel corso del suo intervento l'assessore Armao ha illustrato le piu' recenti e significative iniziative della Regione a tutela della legalita' e per il contrasto al racket ed al riciclaggio, le clausole inserite nella disciplina attuativa del Credito d'imposta e volte a consentire l'accesso al beneficio economico solo a chi, se sottoposto a richieste estorsive, denuncia il racket, pena la decadenza e quelle inserite nel "Codice Vigna", adesso recepite nella legge sulla semplificazione amministrativa, approvata la settimana scorsa dall'Ars. Legge sulla semplificazione che consente anche di applicare in Sicilia il codice dell'amministrazione digitale (CAD), vero antidoto alla corruzione e al condizionamento mafioso.

"L'amministrazione deve fare la sua parte nella lotta al crimine introducendo 'antidoti' che consentano di prevenire la commissione di reati. Ma l'impegno per la legalita' - ha affermato Armao - deve affiancarsi a quello per lo sviluppo economico. Non possiamo consentire a nessuno di dire che si sta meglio in un sistema economico intriso di connivenze.

E' necessario lottare per far superare al Mezzogiorno ed alla Sicilia il divario con il centro nord del Paese. Senza i necessari correttivi (perequazione fiscale e perequazione infrastrutturale) il federalismo fiscale, almeno cosi' come lo si vorrebbe attuare, rischia di trasformarsi in un sicuro danno per il sistema economico siciliano".

"Data per 100 la dotazione infrastrutturale del Paese, il mezzogiorno nel complesso e' 20 punti sotto, con alcune zone che segnano una differenza di 40 punti. Lo stesso divario connota il reddito pro capite del nord e del sud".

"Siamo riusciti - ha concluso - a garantire la piena applicazione delle nostre prerogative autonomistiche nella trattativa col governo nazionale. Le prossime settimane saranno quelle decisive per far si' che il federalismo fiscale possa essere un'opportunita' per i siciliani, ma dobbiamo impedire che prevalga un'idea che qualche forza politica intende affermare e secondo la quale il nord si salva da solo, mentre al sud 'si salvi chi puo''".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica