Borsellino: "no a terzo polo". Lombardo però rilancia

''Da parte mia non c'e' stata alcuna apertura politica al Terzo Polo. Ribadisco ancora una volta che accordi di questo tipo non fanno parte del progetto per cui ho scelto di correre per le primarie del centrosinistra. Un progetto che, sia chiaro, apre solo a quei cittadini che intendono realmente promuovere il risanamento e lo sviluppo di questa citta', sotto il profilo economico, culturale ed etico. E che chiude a quelle vecchie pratiche e a quei vecchi schemi che hanno affossato Palermo''.

Lo ha detto Rita Borsellino in relazione a probabili alleanze in vista delle amministrative di Palermo e che in questi giorni tengono in fibrillazione il centrosinistra siciliano. Dunque, la Borsellino ancora una volta chiude la porta al Terzo Polo e cio' non fa altro che spaccare sempre piu' il Pd in Sicilia. ''Da quando ho deciso di candidarmi - continua la candidata a sindaco di Palermo - non passa giorno senza che qualcuno mi chieda di un accordo con il Terzo Polo. Fin dall'inizio, ho ribadito il mio no. Una posizione di coerenza per la quale sono stata attaccata in tutti i modi possibili''.

Sulla questione non poteva mancare il commento di Raffaele Lombardo: "Con Rita Borsellino - ha detto a margine di una riunione del Mpa il governatore - vorrei tentare di trovare una soluzione unitaria sul piano del ragionamento e del confronto senza lacerazioni e senza scontri tra due gruppi". "Mi auguro che col dialogo, se questo fosse possibile - ha aggiunto il governatore - si possa trovare una soluzione perchè Palermo abbia un candidato sindaco col più ampio consenso delle forze politiche perchè la città ha bisogno di grandissima solidarietà". A chi poi gli ha chiesto se dunque la Borsellino sia la soluzione giusta, Lombardo ha risposto: "Il dialogo può creare la soluzione, piuttosto che mandarsele a dire attraverso le agenzie di stampa".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica