siciliatoday

Cenere Etna, Lombardo: "Pronti a fare scalo Comiso". Grassia (Ance Ragusa): "Quando Etna fa le bizze se ne ricordano tutti"

"Mi spiace per un pezzo di classe dirigente ragusana con la quale talvolta non ci capiamo o entriamo in conflitto. Si minacciava la marcia su Palermo. Forse il 18 la faranno su Roma. Il governo nazionale ha dirottato al nord miliardi di euro con la delibera Cipe di qualche mese fa: un manifesto di come questo governo sia il piu' antimeridionale da Garibaldi e Cavour in poi. E non si trovano 5 milioni per l'aeroporto di Comiso?".

Lo dice sul suo blog il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, secondo il quale "se fossero stati concessi sei mesi fa oggi avremmo un'alternativa funzionante rispetto a Catania, oggi chiuso per la cenere dell'Etna. Comiso sarebbe gia' in funzione anche per il territorio e per la crescita del traffico".

Lombardo interviene infatti dopo la chiusura dell'aeroporto di Catania, a causa della rilevante caduta di cenere lavica.

"A Catania, ad esempio, non sbarca Ryanair perche' pretende tariffe piu' basse da parte dell'aeroporto - prosegue Lombardo -. Comiso non farebbe concorrenza a Catania, si potrebbe dedicare ai voli low cost a cominciare proprio da quelli di Ryanair. L'ho detto, lo ribadisco e lo rivendico: se non lo fa subito il governo nazionale, lo faremo noi con i fondi della Regione - conclude il governatore - in attesa che lorsignori si determino a fare il loro dovere e a tirar fuori quello che serve".

La dichiarazione di Lombardo, insieme a chi è intervenuto ricordando l'aeroporto di Comiso, scatena però la reazione del presidente dell'Ance di Ragusa, Giuseppe Grassia

Secondo Grassia “Quando l’Etna fa le bizze, tutti si ricordano dell’urgenza di completare le procedure per l’attivazione dell’aeroporto di Comiso”.

“Ma se a Catania, a volte – aggiunge il presidente Grassia – ci pensa la natura a frenare l’attività dell’uomo, in questo caso quella aeroportuale, a Comiso, sono gli stessi fattori antropici, leggasi mancata firma del ministro Tremonti, a determinare tale situazione di fermo. Ribadiamo quanto già abbiamo avuto modo di dire in altre occasioni: l’aeroporto di Comiso, e lo testimoniano eventi eccezionali come quello odierno, è una necessità sempre più impellente per la provincia di Ragusa e per il resto del Sud-Est siciliano. Che cosa si aspetta ad aprirlo?”.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica