siciliatoday

Lampedusa, Lombardo a Tirrenia: "Utilizzare navi per sgomberare subito l'isola"

"Sgomberare subito Lampedusa, utilizzando tutti i mezzi navali disponibili". Lo afferma il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, che per attivare queste procedure di emergenza ha inviato una lettera al commissario straordinario della Tirrenia Giancarlo D'Andrea. La nota e' stata inviata anche al ministro dell'Interno, Roberto Maroni, al ministro della Difesa, Ignazio La Russa, al responsabile dei Trasporti Altero Matteoli e al ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

"E' chiaro che la nave San Marco non basta, e il governo nazionale - continua il presidente della Regione - deve intervenire individuando con chiarezza i luoghi destinati ad accogliere questa gente. Le condizioni di Lampedusa, come sostengono anche autorevoli organizzazioni umanitarie, non sono piu' sostenibili, sia per i cittadini di Lampedusa, sia per i migranti. Siamo contrari ai respingimenti, anzi bisogna assistere i migranti. Ma bisogna farlo con l'intervento di navi che li intercettino in mare, li assistano e li trasportino poi nei luoghi d'accoglienza in tutta Italia con ponti aerei per l'immediato trasferimento. Per questo motivo chiediamo che Tirrenia metta a disposizione la sua flotta".

"C'e' poi - continua Lombardo - un'altra emergenza, quella di Trapani Birgi. L'aeroporto civile era cresciuto, poco alla volta, fino a raggiungere 1 milione e 800 mila passeggeri. Con la chiusura decisa per garantire le operazioni militari si e' colpito il turismo anche li ed in maniera pesantissima. Chiediamo che le operazioni militari vengano spostate interamente a Sigonella dove non creano problemi al traffico aereo civile. Anche in questo caso se non si assumono decisioni immediate, per recuperare quanto costruito grazie all'aeroporto civile di Trapani negli ultimi 15 anni, ci vorranno altri 15 anni".

"Questo governo - incalza Lombardo - che si dice essere il piu' federalista di sempre, si dimostra, invece, fin troppo centralista. Non accetteremo scelte che vengono imposte dall'alto anche e soprattutto nella distribuzione dei migranti. Temiamo che del piano annunciato dal Ministro Maroni restino solo gli annunci e si finisca per distribuire gli extracomunitari sempre nelle stesse regioni: Sicilia, Calabria e Puglia. Questo non e' tollerabile".

"Nei prossimi giorni - conclude Lombardo - mi rechero' personalmente a Lampedusa per dimostrare che il governo della Regione e' vicino agli abitanti dell'isola non solo moralmente o economicamente ma anche fisicamente".

"Gia' stasera - annuncia l'assessore regionale per il Territorio e Ambiente, lampedusano di origine, Gianmaria Sparma - apriremo a Lampedusa un ufficio del governo della Regione. Saremo sull'isola per stare materialmente vicini alla popolazione e non molleremo la presa fino a quando i problemi non saranno affrontati consentendo il ritorno della situazione allo stato pre crisi. Io per primo andro' a Lampedusa e mi raggiungeranno, man mano, tutti gli assessori che potranno portare il loro contributo".

"La Sicilia, ed in particolare Lampedusa e Trapani, non possono pagare il prezzo dell'ondata migratoria e della guerra, per questo ho appena scritto una lettera al Presidente della Repubblica ed al Presidente del Consiglio chiedendo la convocazione urgente di un consiglio dei Ministri per affrontare l'emergenza in cui versano i nostri territori".


blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica