Leoluca Orlando si candida a sindaco: "Giù le mani da Palermo"

Leoluca Orlando, esponente Idv e già sindaco di Palermo, ha annunciato la propria candidatura per tornare a guidare il capoluogo siciliano. "Mi candido a sindaco - ha detto in conferenza stampa -. A tutti coloro che si occupano della città per giochi e interessi nazionali, dico giù le mani da Palermo". Il capoluogo, prosegue, "è una città in default, ma finora nessuno ha fatto appello alle categorie produttive, salvo patteggiare qualche assessorato".

"Io mi candido a sindaco di Palermo. A tutti coloro che per ora si occupano della città per giochi e interessi nazionali, dico giù le mani da Palermo". Con queste parole Leoluca Orlando, già tre volte sindaco del capoluogo siciliano, scende in campo per l'ennesima volta. Senza risparmiare accuse a nessuno. Orlando attacca per primo il governatore della Sicilia: "Lombardo, giù le mani da Palermo, giù le mani da una città di un milione di persone che non possono rimanere ostaggio di un governatore indagato per mafia".

Poi si scaglia contro Fabrizio Ferrandelli, vincitore delle primarie del centrosinistra. "Sono state primarie drogate, inquinate e lo dico con franchezza, al di là di chi ha vinto. E' in gioco la credibilità del centrosinistra, la libertà di voto dei cittadini e mi candido per difendere questa libertà" aggiunge. Poi spiega il cambiamento d'idea. Prima l'annuncio che non avrebbe corso a sindaco e poi la discesa in campo: "Le primarie sono state truccate e io voglio intestarmi una battaglia di civiltà in nome della libertà di voto". "Per noi non è normale che si faccia incetta di certificati elettorali". "Le Primarie andavano azzerate e bisognava trovare un altro candidato" sottolinea. "A Napoli, dove è stato candidato De Magistris, sono state annullate e la stessa cosa andava fatta a Palermo", aggiunge.

Per Orlando "Palermo sta ancora scontanto i brogli del 2007 e i tribunali confermeranno che Cammarata è stato un sindaco abusivo. Nessuno può pensare che i palermitani adesso vogliano un sindaco del centrosinistra abusivo", ha proseguito in riferimento all'inchiesta sulle primarie di Palermo sulle irregolarità nel gazebo dello Zen che ha indotto i garanti ad annullare il voto in quel seggio. "Non è un caso che Confindustria abbia chiesto il rinvio delle elezioni, visto che secondo loro nessun candidato è in grado di rappresentare la città".

La candidatura di Orlando spacca di fatto il centrosinstra. Pd e Sel appoggiano Fabrizio Ferrandelli, vincitore delle primarie. L'IdV ora ha Orlando sostenuto anche da Rifondazione comunista. Mentre Rita Borsellino si è ritirata dalla corsa elettorale.

 

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica