Palermo, minacciata Rita Borsellino

"Vogliono ammazzare Rita Borsellino", così una donna che oggi ha contattato la sede siciliana del Pd (che si trova a Palermo, ndr) chiedendo il numero dell'eurodeputata, candidata alle primarie del centrosinistra di domenica prossima.

A ricevere la telefonata è stato un addetto alla segreteria del partito; alla donna, che non ha fornito le proprie generalità al momento della richiesta del recapito della Borsellino, l'impiegato ha semplicemente risposto che non era autorizzato a dare questa informazione. L'interlocutrice ha allora motivato la propria richiesta, affermando di volerlo "in quanto vogliono ammazzare Rita Borsellino".

L'addetto ha quindi subito avvertito il segretario Giuseppe Lupo, che ha informato dell'accaduto la diretta interessata e si è poi recato in questura per sporgere denuncia. Pare che una telefonata analoga sia stata ricevuta da un'altra Rita Borsellino, cugina della candidata col suo stesso nome; anche in questo caso la voce all'altro capo del telefono era femminile.

Questo il commento di Pier Luigi Bersani, segretario nazionale del Pd: "Ricevere telefonate in cui si parla di morte è un fatto grave e che non va assolutamente sottovalutato. Desidero esprimere a Rita Borsellino, a nome mio e del Pd, tutta la solidarietà e la vicinanza possibile. In Sicilia come altrove il linguaggio delle minacce e dell'intimidazione si batte con il rafforzamento della democrazia".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica