Tranchida: "Nessun ritardo su Agrodolce"

"Reputo spregiudicata la tattica di usare il legittimo malessere dei lavoratori, privati di prospettive certe, in una vicenda sulla quale occorre fare chiarezza e nella quale l'assessorato al Turismo si sta muovendo all'insegna della massima trasparenza".

Lo dice l'assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida, sulla protesta delle maestranze della fiction Agrodolce per la sospensione delle riprese e sulle dichiarazioni di alcuni rappresentanti sindacali.

"L'unico interlocutore della Regione - aggiunge Tranchida -, per questo progetto, e' la Rai. Ogni altro rapporto intercorrente tra la Rai e eventuali altri soggetti di supporto alla realizzazione della fiction non trova negli atti alcun diretto riferimento con questo assessorato. Per la prima serie della fiction, soltanto una decina di giorni fa, e' arrivata dalla Rai la fattura per il pagamento dell'ultima tranche di finanziamento, pari a due milioni di euro circa. Gli uffici dell'assessorato, pur nell'esigua documentazione connessa alla rendicontazione delle spese, ne stanno verificando la regolarita' e la rispondenza alla normativa.

Soltanto dopo aver verificato questo aspetto, l'assessorato potra' procedere alla liquidazione. Quanto alla nuova serie di Agrodolce, del cui avvio questo assessorato non ha ricevuto alcuna comunicazione formale, i primi pagamenti, secondo quanto previsto dalla convenzione firmata dalla Regione con la Rai, avverranno soltanto dopo la messa in onda del primo gruppo di puntate. La Regione, quindi, su Agrodolce non ha accumulato alcun ritardo, non puo' essere in alcun modo tirata in ballo, nemmeno per spregiudicate strategie parasindacali, per i ritardi nello svolgimento delle riprese della nuova serie".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica