(Flickr)

Acireale, anche quest'anno grandi carri per il 'Più bel carnevale di Sicilia'

La grande festa popolare de “Il Più Bel Carnevale di Sicilia” si rinnova di anno in anno, confermando i canoni che hanno decretato il successo della grande manifestazione acese.

Al centro del nutrito programma le sfilate dei carri allegorico grotteschi, ideati e creati dai maestri acesi, campioni della satira e ineguagliati artigiani della cartapesta; i carri infiorati che, unici nel contesto carnascialesco italiano, hanno saputo unire la gioia e l’irriverenza del Carnevale alla gentilezza dei fiori; i gruppi in maschera dai fantastici e pomposi costumi.

Poi il pubblico, il grande pubblico del Carnevale di Acireale, “sale” insostituibile del gioioso appuntamento: una marea umana, se è vero come è vero che anno dopo anno ad Acireale (nel complesso delle sfilate) si riversano circa un milione di visitatori provenienti da tutta Italia, ma anche dall’estero, grazie alle iniziative di promozione mitrata (agenzie di viaggio, tour operator, network turistici) avviate da alcuni anni.
Sono questi i tratti somatici che rendono unico “Il Più Bel Carnevale di Sicilia” (il conosciuto “claim”, sta ormai stretto alla kermesse etnea), inimitabile anche per le esclusive parate allegoriche in notturna: colorite e sfrenate, si snodano nel monumentale scenario barocco, tra la pietra bianca di chiese e palazzi Seicenteschi e Settecenteschi, e il caldo colore nero del selciato lavico.

Su tutto e tutti, quindi, dal prossimo 30 gennaio, ad Acireale andrà in scena re Burlone: dalla rinnovata piazza barocca - illuminata da luci, impreziosita dai coriandoli e resa unica dagli sfarzosi carri in cartapesta ed infiorati – il sovrano dell’allegria e della spensieratezza detterà i ritmi del grande evento turistico siciliano, in un crescendo di sincere emozioni popolari “dove tutti si è uguali e dove a tutti è permesso di indossare la maschera di Carnevale per dimenticare (almeno per un po’) la maschera che si è costretti ad indossare nella vita”.

IL PIU' BEL CARNEVALE DI SICILIA. LA CARTA D'IDENTITA'

CARRI ALLEGORICI
Sono dieci (più uno fuori concorso) i carri in cartapesta e cartone romano dalle dimensioni sempre più “esagerate”. Durante l’esibizione, le grandi macchine allegoriche hanno una lunghezza di 18 metri, una ampiezza di 9 metri mentre l’altezza supera i 20 metri. Tutti i movimenti delle diverse maschere che compongono il singolo carro, così come gli effetti scenici (Acireale ha abbandonato da tempo le vecchie, statiche luminarie per votarsi alla spettacolarizzazione massima del carro) sono gestiti da potenti computer radiocomandati. I giganti della cartapesta sfileranno domenica 31 gennaio, il 7, l’11, il 13, il 14 e martedì 16 febbraio. Satira, politica, problemi sociali, il mondo dello spettacolo, della tv e del calcio alcuni tra gli argomenti scelti dai carristi per portare in piazza “tematiche da prima pagina”, sicuramente gettonati e graditi al grande pubblico del carnevale acese.

CARRI INFIORATI
Sono dieci e rappresentano la vera peculiarità del Carnevale acese. Anticamente si trattava di autovetture addobbate con fiori ed agrumi: vecchie Fiat 500, 1100, 850… Oggi i carri infiorati non hanno nulla da invidiare ai “cugini” in cartapesta: anche in questo caso si tratta di soggetti esclusivi, dallo scheletro in tubolari ferrosi e la pelle di fiori. Alcuni carri, quelli più grandi (6x12x15 metri) sono ricoperti da circa 50 mila garofani… Un tocco di classe nella festa più pazza che ci sia. I carri infiorati sfileranno il 13, il 14, il 15 e il 16 febbraio. I temi, anche in questo caso, satira politica e attualità, oltre alla magia dei cartoons.

GRUPPI IN MASCHERA
Hanno il compito di animare i corsi in maschera e trascinare la folla in scorribande lungo i corsi barocchi. I gruppi in maschera accreditati nel concorso sono quattro (sino ad un massimo di cinquanta figuranti ciascuno), ma c’è da scommettere che durante il Carnevale – come accade ogni anno – altri ne verranno creati spontaneamente… Perché la festa lascia spazio ad ogni fantasia. I gruppi in maschera saranno parte integrante di tutte le sfilate del Carnevale (31 gennaio, 7, 11, 13, 14, 15, 16 febbraio).

LA REGINA DEL CARNEVALE
Il 30 gennaio, durante la parata iniziale, sarà svelato il volto della Regina del Carnevale 2010. Si tratta di Elisa Di Nunzio: avrà per corte 6 bande musicali provenienti da diverse regioni italiane ed europee: note allegre e trascinanti che renderanno scoppiettante l’inizio del Carnevale 2010. Aprirà il corteo, dunque, la splendida Elisa, la Regina: una vera miss a cui il sindaco Nino Garozzo consegnerà le chiavi (ovviamente in cartapesta) della Città. Nel 2007, prima reginetta in assoluto, Grace Cipriani indossò la corona del Carnevale. Divenne poi testimonial Angjel. Nel 2008 fu Miriam Leone, studentessa acese dagli occhi verdi e dai capelli color rosso-rame, pochi mesi dopo eletta Miss Italia e oggi conduttrice televisiva. Nel 2009 toccò a Enza Leonardi, poche settimane prima eletta “Venere dell’Etna 2009”.

IL FRANCOBOLLO DI POSTE ITALIANE
Il 12 febbraio 2010 Poste Italiane emetterà un francobollo dedicato al Più Bel Carnevale di Sicilia: un veicolo promozionale importante ed esclusivo, che certifica – qualora ve ne fosse bisogno – l’attenzione ai massimi livelli verso il Carnevale più bello di Sicilia… e non solo! La serie tematica è quella denomina “Il Folclore”, particolarmente curata nel disegno e vera delizia per i collezionisti.

IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA
Due sole le lotterie che si svolgeranno nel 2010 : ad inizio anno la prima, poi – a fine 2010 - la tradizionale Lotteria Italia. Nel biglietto della prima lotteria del 2010 vi è il Carnevale di Acireale. Il tagliando comprende il Festival della Canzone italiana di Sanremo e i carnevali di Viareggio, Acireale, Capua, Fano e Gallipoli, oltre che il progetto “La Casa viaggiante dei sogni”. Il Più bel Carnevale di Sicilia aveva già fatto parte della lotteria nazionale del Carnevale negli anni 1996, 1999 e 2006. Anche in questo caso un modo per promuovere i colori e i “gioiosi sapori” del Carnevale di Acireale - sempre più “nazionale” che “regionale” - in ogni angolo d’Italia.

INOLTRE
Il concorso “Bambini in maschera”, i “Gruppi mascherati scolastici”, Le “Scuole in festa”, il concorso “Carri in miniatura”, la pubblicazione “Numero Unico di Carnevale”, il “Campionato di scacchi”, la mostra sul Carnevale “Lezioni di culinaria”, l’annullo postale del Carnevale di Poste Italiane, il “Trofeo rotellistico”, le scuole di danza in “Ballando a Carnevale”, la rassegna musicale per band emergenti “Rumori Barocchi”, la “Bottega della cartapesta”…. e gli spettacoli musicali in piazza Duomo: sul palco – tra gli altri – Fabrizio Moro, Leda Battisti, Luisa Corna, Demo Morselli, Tony Esposito…

Insomma, un grande, ricco, colorato, caldo contenitore di allegria, al 100%

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Sagre&Feste