Vinimilo, domani sera Franco Battiato al Teatro Comunale con il film dedicato a Bufalino

Franco Battiato domenica sera al teatro comunale di Milo con il suo film documentario dedicato all’amico Bufalino. “Auguri Don Gesualdo” è l’evento che il maestro ha scelto e segna il passaggio tra la rassegna Musicamilo che chiude i battenti e la Vinimilo che al contrario è entrata nel vivo e proseguirà fino al 12 settembre con una serie di manifestazioni che prenderanno sapori e colori tra i naturali scenari paesaggistici offerti dal territorio di Milo con corsi di degustazioni, mostre-mercato, visite guidate, laboratori all'aperto eventi musicali ed estemporanee di pittura.

“Auguri don Gesualdo è un medio metraggio di 45 minuti. Una miscela di immagini, testimonianze, interviste e riprese inedite effettuate nei luoghi d’elezione dello scrittore siciliano, originario di Comiso, personale amico di Franco Battiato. Interverrà il critico cinematografico, Sebastiano Gesù.
La trentesima edizione della Vinimilo ha, invece, aperto i battenti con un ottimo abbinamento di vino e cultura e in anteprima mondiale ha presentato al suo pubblico il libro del giornalista americano Robert Camuto, ”Palmento” a sicilian Odyssey.

Camuto, americano residente nel sud della Francia e un pluripremiato scrittore viaggiatore tra le strade del vino, è un giornalista per Wine Spectator e per Washington Post. Inspirato da una passione profonda per il vino, dalle sue radici siciliane, e dal desiderio di una terra più selvatica della sua residenza nel Sud della Francia, Robert Camuto, decide di esplorare l’emergente scena del vino in Sicilia. Attraversando la Sicilia dai suoi interni accidentati fino alle altitudini del monte Etna, scoprirà nella nostra isola più che un'affascinante frontiera del vino: tradizioni e personaggi s’intrecciano nella naturale ricchezza dell’isola che pur essendo la più grande e la più antica regione del vino d’Italia sembra oggi essere la scoperta più nuova dei viaggiatori di tutto il mondo. Qui, tra i panorami selvatici, mercati generosi, rituali religiosi e drammatici, sapori deliziosamente contrastanti, insieme allo stupendo, naturale calore della sua gente, Camuto ritrae la Sicilia in un brillante momento della sua storia. Il suo libro descrive il vino come una potente metafora per l'indipendenza dell'identità di questa mitica terra che sembra essersi disfatta del suo lascito di violenza, corruzione e povertà per emergere finalmente libera con la sua grande anima intatta. All’incontro moderato dalla giornalista Lidia Rizzo ha partecipato anche Brandon Tokash, wine expert.

Domenica mattina motori accesi e rombanti per il terzo motoraduno Vinimilo che quest'anno inaugura anche mostra scambio, una vetrina inedita di auto, moto e pezzi d'epoca, a cui hanno già aderito venti espositori.

E per gli addetti ai lavori sempre domenica è dedicata La giornata della viticoltura sostenibile, mentre martedì prossimo la Vulcania-Etna 2010, Forum internazionale dei vini bianchi da suoli vulcanici. Protagonista il Bianco Etna superiore doc, la cui qualificazione “superiore” è riservata alle uve prodotte, appunto, nella zona di Milo.

Alla giornata di domenica, parteciperanno il sindaco Giuseppe Messina, il vicesindaco Alfio Cosentino, Salvatore Barbagallo, direttore generale dipartimento interventi infrastrutturali assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Orazio Pellegrino, assessore provinciale alle Politiche Agricole, Pietro Agen, presidente della Camera di Commercio di Catania. La tavola rotonda è affidata agli esperti Giuseppe Marano, direttore generale dipartimento interventi infrastrutturali per l’agricoltura UO21 Acireale, Pippo Privitera, presidente regionale di Slow food, Paolo Benvenuti, direttore associazione nazionale delle Città del Vino.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Sagre&Feste