Catania, mercoledì 11 e giovedì 12 maggio ai Benedettini convegno internazionale sull'Unità d'Italia

Mercoledì 11 e giovedì 12 maggio, dalle 9 alle 18, nel Coro di notte del monastero dei Benedettini, si terrà il convegno internazionale sull'Unità d'Italia dal titolo “Il miglior tempo... (1848-1911)”.
L'iniziativa è organizzata dalla facoltà di Lettere dell'Università di Catania, in collaborazione con la Provincia regionale di Catania e con istituzioni universitarie (i dipartimenti e i dottorati in Scienze umanistiche e Filologia moderna, la Società di Storia Patria per la Sicilia orientale, l'Accademia Gioenia di Catania), prestigiosi enti nazionali (l'Istituto storico italiano per l'età moderna e contemporanea, l'Istituto per la storia del Risorgimento italiano - Comitato di Catania), diverse istituzioni scolastiche (l'Istituto musicale "Vinci" di Caltagirone, i licei classico e scientifico di Catania) insieme all'Archivio di Stato di Catania e alla Loggia Garibaldi del Grande Oriente d'Italia.
Con questo convegno il comitato scientifico, coordinato dal preside della facoltà di Lettere e Filosofia, prof. Enrico Iachello, e composto dai docenti Giuseppe Giarrizzo, Antonino De Francesco e Paolo Militello, ha inteso offrire un momento di riflessione critica rigorosa che permetta di superare le sterili polemiche antirisorgimentali portate avanti da una certa opinione pubblica meridionale, dalla Lega e da alcuni settori del mondo cattolico e che, invece, cerchi di far luce su un periodo storico complesso e importante per la nostra storia nazionale.
A tal fine sono stati invitati a discutere di storia, politica, cultura, lingua, arte, istruzione del periodo pre e postunitario studiosi delle principali Università italiane ed estere (tra gli altri, Antonio De Francesco dell'Università di Milano, Charles Dalli dell'Università di Malta), docenti dell'ateneo catanese (i professori Salvatore Adorno, Mario Alberghina, Gabriella Alfieri, Giuseppe Baldacci, Giuseppe Bentivegna, Francesca Biondi, Maria Rosa De Luca, Antonio Di Grado, Fernando Gioviale, Barbara Mancuso, Andrea Manganaro, Angelo Messina, Guido Nicastro, Stefano Rapisarda, Graziella Seminara, Mario Tropea, Daniela Vasta), funzionari dell'Archivio di Stato di Catania (Cristina Grasso e Anna Maria Iozzia), esponenti della Loggia Garibaldi del G.O.I. (Gustavo Raffi, Angelo Chiara, Bernardino Fioravanti), oltre a Luigi Lotti, presidente dell'Istituto storico italiano per l'età moderna e contemporanea, agli Accademici dei Lincei Giuseppe Giarrizzo e Fulvio Tessitore, e a Maurice Aymard, già presidente della Maison des Sciences de l'Homme di Parigi.

Nell'ambito del convegno, alla fine della prima giornata (mercoledì 11 maggio alle 19:30), sarà inaugurata nelle Cucine del monastero dei Benedettini, la mostra “Sulla strada dei Mille. Cinema e Risorgimento in Sicilia” con stampe risorgimentali d'epoca, manifesti e locandine cinematografiche di film che affrontano il tema del Risorgimento siciliano. Per l'occasione verranno proiettati i film muti La presa di Roma (1905) e Il piccolo garibaldino (1909), con accompagnamento musicale dal vivo dell'Ensemble Darshan. La mostra resterà aperta dall'11 al 27 maggio. Orario d'apertura 9:30-13.
A conclusione del convegno, venerdì 13 maggio, alle 10,30, nella sede dell'Archivio di Stato di Catania sarà, inoltre, inaugurata la mostra L'Italia è fatta.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Scuola&Università