SiciliaToday

Facoltà di Lingue, studenti in corteo a Catania

Un lungo corteo per protestare contro la chiusura di Lingue, sulle note di Roy Paci e Rino Gaetano, ha attraversato questa mattina Catania. La marcia, organizzata dagli studenti della facoltà, è partita dal Monastero dei Benedettini per poi raggiungere Piazza Univesità, sede del rettorato.

L’ipotesi, avanzata dal rettore negli ultimi giorni di un polo umanistico che dovrebbe comprendere Lettere, Lingue e Scienze della Formazione, non convince gli studenti, i quali chiedono che la facoltà resti a Catania e non si sposti a Ragusa.
La vicenda, che è al centro del dibattito da quasi un mese, appare di difficile risoluzione. Da una parte ci sono stati gli annunci della nascita del quarto polo e la conseguente cessione di Lingue a Ragusa e dall’altra sono arrivate le smentite e i passi indietro. Per oggi era stato previsto un incontro, poi rinviato, tra il rettore e il presidente del Consorzio Ibleo Giovanni Mauro.

Recca ha comunque assicurato che entro un mese si dovrebbe conoscere il destino della facoltà.

Ma il malcontento degli studenti per questa situazione così incerta sta crescendo giorno dopo giorno. Non pochi sono stati i cori contro il rettore durante il corteo, e i rappresentanti degli studenti hanno chiesto le dimissioni del Magnifico.
Assieme agli studenti hanno anche manifestato i precari della ricerca, i quali si sono schierati contro i tagli del ddl Gelmini che toglierebbe fondi alle università e penalizzerebbe, di conseguenza, la ricerca.

Per domani è prevista un’assemblea ai Benedettini, durante la quale gli studenti trarranno le somme del corteo e pianificheranno i prossimi giorni di mobilitazione.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Scuola&Università