Università Catania, Gianluca Reale lascia la direzione della testata Radio Zammù

«Ieri mattina ho inviato le mie dimissioni da direttore responsabile di Radio Zammù Notizie, la testata giornalistica della radio dell’Università di Catania, essendo evidentemente venute meno le condizioni per proseguire nel progetto editoriale che era stato intrapreso sin dalla nascita di Radio Zammù». E’ quanto comunica Gianluca Reale, giornalista professionista dell’agenzia Blu Media, direttore responsabile della testata dal 21 luglio 2007, nonché fondatore dell’emittente dell’Ateneo catanese.

L’Università di Catania ha infatti bandito una nuova gara per l’affidamento del servizio di gestione della programmazione radiofonica e per la trasmissione via etere senza neanche invitare l’agenzia Blu Media e la cooperativa Radio Marte, rispettivamente precedenti affidatari.

«Un chiaro segnale di discontinuità verso il progetto in atto – dice Reale -. Una decisione sorprendente e inaspettata, peraltro, non motivata da alcuna contestazione specifica nel corso di questi anni. Lasciare la direzione è un atto dovuto. L’Università è naturalmente libera di fare le sue scelte, ma ritengo che in questi anni si sia svolto un lavoro serio e proficuo, facendo di Radio Zammù una realtà seguita sul territorio e nel panorama nazionale delle radio universitarie – prosegue Reale -. Non conosciamo, al momento, né I motivi del mancato invito né quali altri soggetti siano stati invitati alla nuova gara a procedura negoziata, che scadrà il 31 marzo 2011 e ci chiediamo quale futuro avrà il progetto che abbiamo faticosamente e con tanti sacrifici portato avanti. Cosa c’è dietro questa decisione?".

"Sin dalla sua nascita e poi dal debutto sulla frequenza 101,00 FM nel 2007 – continua Reale - Radio Zammù ha fornito all’Ateneo un utilissimo servizio pubblico come in più occasioni affermato anche dal rettore Recca, una informazione equilibrata e seria verso tutta la comunità accademica e cittadina, grazie al lavoro e alla passione di una “squadra” di studenti che si è spesa con grande impegno. Studenti che in questa “palestra” hanno acquisito professionalità che costituiscono un prezioso patrimonio per l’Ateneo e non andrebbero sprecate".

"A titolo personale e a nome di Blu Media – continua Reale - colgo l’occasione per ringraziare tutti i docenti e le strutture dell’Ateneo (in particolare la facoltà di Lingue e Letterature Straniere e il Centro Orientamento e Formazione) che hanno sostenuto questo progetto sin dall’inizio, tutti gli studenti che hanno lavorato alla redazione giornalistica di Radio Zammù, attività attraverso la quale alcuni hanno già potuto conseguire l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti come Pubblicisti. Anche a tutti gli altri – studenti e non - impegnati su vari fronti va il mio ringraziamento per aver realizzato una radio che, seppure con risorse limitatissime, si è imposta nel panorama catanese come una delle emittenti più attente ai contenuti. Affermandosi al contempo sul piano nazionale come una delle radio universitarie più continue e produttive, un vero fiore all’occhiello per l’Ateneo. Un’esperienza felice che non vogliamo fare tramontare".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Scuola&Università