Rapahel Martinho, verso la conferma (Calciocatania.com)

Calcio, Catania: la presentazione del match di Cagliari

Serenità e risultati con Donadoni
Acque tranquille in Sardegna: l’avvicendamento sulla panchina cagliaritana, tra Bisoli e Donadoni, ha rasserenato sia la classifica che l’ambiente rossoblù scivolato, dopo i fasti gloriosi con Allegri nelle ultime stagioni, in un uno stato preoccupante e pericoloso. Infatti, sotto la guida dell’ex commissario tecnico azzurro il Cagliari ha conquistato due vittorie in tre gare (2 a 1 al Brescia, 3 a 2 al Lecce) fondamentali per risalire diverse posizioni in classifica, distanziando la zona retrocessione di ben 5 punti: un margine importante che permette alla compagine rossoblù di guardare al futuro con una certa serenità. Dopo le delusioni patite con la Nazionale azzurra e col Napoli la destinazione isolana sembrerebbe l’ideale per un tecnico come Roberto Donadoni: la giusta dimensione per un grande ex calciatore ma non ancora un allenatore di successo. L’inizio è stato positivo, adesso tocca al Catania dire se lo stop di Firenze è stato solo un incidente di percorso o qualcosa di più..

Il ritorno dell’ex
"Pur nella consapevolezza del danno economico che ne deriverà, rinuncio a tornare a Cagliari. L'orgoglio e la dignità non hanno prezzo". Parole secche e concise quelle rilasciate da Marco Giampaolo nel dicembre 2007 in risposta al presidente sardo Cellino che, nel giro di un mese, esonerò il tecnico di Bellinzona per poi richiamarlo (invano) qualche settimana più tardi. Parole emblematiche che la dicono tutta sul carattere dell’attuale tecnico etneo. Un carattere fatto d’orgoglio e dignità dimostrato dal Catania nella prima frazione di gioco del match contro la Juventus, tra i migliori disputati dagli etnei nell’attuale campionato. A Cagliari bisogna ripartire proprio da quel primo tempo, cercando di evitare errori (ed orrori) in fase difensiva e concretizzando al meglio la grande mole di gioco costruita. Sbancare il “Sant’Elia” è impresa ardua, ma non impossibile per il Catania e per Giampaolo: il grande ex. – 22 all’Alba: “Waka Catania, waka!”

Rendimento in casa del Cagliari
Nel corso di questo campionato il Cagliari, nelle sette partite sinora disputate al “Sant’Elia”, ha raccolto dieci punti in virtù di tre vittorie (5 a 1 alla Roma, 2 a 0 al Bologna, 3 a 2 al Lecce) un pareggio (0 a 0 con la Sampdoria) e tre sconfitte (0 a 1 contro Inter, Napoli e Genoa). Dieci le reti segnate, sei quelle subite.

Rendimento in trasferta del Catania
Lo score degli etnei nelle sette trasferte affrontate nell’attuale torneo è di tre pareggi (1 a 1 contro Milan e Lazio, 0 a 0 contro la Sampdoria) e quattro sconfitte (2 a 1 a Verona contro il Chievo, 1 a 0 dal Lecce e dal Genoa, 3 a 1 dal Palermo). Quattro le reti segnate, nove quelle subite. L’ultima vittoria esterna del Catania risale il 7 febbraio 2010: 1 a 0 alla Lazio. Da quel match un andamento regolare fatto da sei sconfitte e sette pareggi.

Precedenti in serie A
Le sfide in serie A tra sardi ed etnei, allo stadio “Sant’Elia” di Cagliari, sono sette ed hanno visto prevalere la formazione cagliaritana in tre circostanze; tre i pareggi; l’unica vittoria degli etnei risale alla stagione 2006/07: 1 a 0 firmato Giorgio Corona. L’ultimo confronto in terra sarda tra le due compagini risale allo scorso sette marzo: spettacolare 2 a 2 firmato dalle reti di Mascara (rigore) e Maxi Lopez per i rossazzurri, Lazzari e Cossu per i rossoblù. Dieci le reti segnate dal Cagliari, sei quelle realizzate dal Catania. Nel dettaglio i sette precedenti tra le due squadre:

1964/65: Cagliari – Catania 2 – 0
1965/66: Cagliari – Catania 3 – 1
1970/71: Cagliari – Catania 1 – 1
2006/07: Cagliari – Catania 0 – 1
2007/08: Cagliari – Catania 1 – 1
2008/09: Cagliari – Catania 1 – 0
2009/10: Cagliari – Catania 2 – 2

Out Astori, spazio ad Ariaudo
Per il match casalingo contro gli etnei il tecnico rossoblù Roberto Donadoni dovrà rinunciare oltre all’infortunato Laner, al portiere Marchetti (fuori rosa) anche al difensore Astori, appiedato dal giudice sportivo per un turno. al posto dell’ex difensore del Milan spazio ad Ariaudo. Confermato il modulo 4-3-1-2 con Agazzi in porta; difesa a quattro con Perico ed Agostini sulle corsie laterali, Canini ed il già citato Ariaudo coppia centrale; in mediana in belga Nainggolan, Conti e Lazzari; Cossu sulla trequarti; Matri e Nenè in attacco. Solo panchina per Biondini ed Acquafresca.

Ancora attacco a due punte?
Confermare il modulo schierato contro la Juventus, con l’attacco a due punte, oppure ritornare al “classico” 4-1-4-1? È questo il dubbio maggiore che riguarda la formazione rossazzurra da opporre al Cagliari nella sfida del “Sant’Elia”. Una sfida alla quale non parteciperanno, tra gli etnei, Augustyn, Bellusci, Spolli e Mascara: tutti alle prese con dei problemi fisici. Da verificare, anche, le condizioni di Biagianti e Llama. Altro ballottaggio riguarda le corsie laterali della difesa: se Capuano dovesse rientrare dal primo minuto, ballottaggio sulla destra tra Potenza ed Alvarez, con l’argentino favorito; caso contrario spazio a Potenza sulla destra ed Alvarze sulla sinistra, con il “buon” Ciro in panchina. Ipotizzando il 4-3-1-2, dovrebbe essere questa la formazione anti-Cagliari: Andujar tra i legni; difesa a quattro con Potenza ed Alvarez sulle fasce, Silvestre e Terlizzi coppia centrale; centrocampo a rombo con Ledesma, Martinho ed uno tra Biagianti e Carboni; Gomez sulla trequarti; in avanti il tandem nippo-argentino formato da Morimoto e Maxi Lopez.

Probabili formazioni
CAGLIARI (4-3-1-2): Agazzi; Perico, Canini, Ariaudo, Agostini; Nainggolan, Conti, Lazzari; Cossu; Matri, Nené. A disp.: 25 Pelizzoli, 2 Biasi, 24 Pisano, 14 Pinardi, 8 Biondini, 9 Acquafresca, 30 Ragatzu. All.: Donadoni

CATANIA (4-3-1-2): Andujar; Potenza (Alvarez), Silvestre, Spolli, Alvarez (Capuano); Ledesma, Biagianti (Carboni), Martinho; Gomez; Maxi Lopez, Morimoto. A disp.: 30 Campagnolo, 33 Capuano, 12 Marchese, 5 Carboni, 13 Izco, 19 Ricchiuti, 9 Antenucci. All: Giampaolo.

ARBITRO: Tommasi di Bassano del Grappa

INDISPONIBILI: Laner; Augustyn, Bellusci, Mascara e Spolli.

SQUALIFICATI: Astori (1)

DIFFIDATI: Nené, Cossu, Nainggolan, Matri

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Sport