Llama, l'ala per far volare il'Elefante rossazzurro... (Siciliatoday.net)

Calcio, Lazio - Catania: la presentazione del match

Non più una sorpresa
Reduce da una soffertissima salvezza, conquistata solo nelle ultime giornate dello scorso campionato, la Lazio di Edy Reja (tecnico degli etnei per qualche mese nella stagione 2002/03) nel corso di questa stagione ha sorpreso tutti, volando inaspettatamente ai vertici della classifica. Tutto merito del tecnico goriziano, capace di rigenerare i vari Ledesma e Mauri, e di alcune scelte di mercato azzeccate come il “Profeta” Hernanes, tanto per citare un nome. Una Lazio che, dopo il miniblackout contro Roma e Cesena, ha si perso il primo posto in vantaggio del Milan, ma è riuscita, anche, a ritrovare risultati positivi che le hanno permesso di “svestire” i panni della sorpresa per indossare quelli della “realtà”: il secondo posto in classifica a +2 dal Napoli, +3 sulla Juve, +4 sulla Roma e +6 sull’Inter dà delle garanzie importanti sul prosieguo della stagione. Attenzione, però, ai soliti voli pindarici che nella capitale e dintorni sono sempre dietro l’angolo: il campionato è lungo e le grandi debilitate dalle scorie mondiali potrebbero riemergere a breve..

Prove di volo
Rilanciata dalla doppia vittoria ottenuta, tra campionato e Coppa Italia contro Bari e Brescia, la formazione rossazzurra guarda con un insolito ottimismo alla difficile trasferta capitolina in casa della Lazio seconda della classe. Un ottimismo dettato oltre che dagli ultimi risultati positivi anche dalle parole di mister Giampaolo che, nella conferenza di vigilia, non ha nascosto la convinzione di poter fare punti contro i biancocelesti. Bene così. La sfida dell’Olimpico rappresenta il primo di quattro ostacoli proibitivi (sulla carta) che attenderanno gli etnei nelle prossime sei gare di campionato: Lazio, Juventus al “Massimino”, la trasferta di Cagliari, Brescia in casa, Roma in trasferta prima della conclusione del girone di andata in casa contro l’Inter. Un calendario “piccante” che, considerando la posizione di classifica del Catania (nono posto con sei punti di vantaggio sulla terzultima), potrebbe schiudere scenari interessanti: tarpare le “ali” dell’aquila laziale Olimpia per liberare la voglia di volare dell’Elefante rossazzurro. Ritrovare quella vittoria in trasferta che manca da dodici gare e proprio dall’uno a zero inflitto ai biancocelesti lo scorso 7 febbraio. – 23 all’Alba: “Waka Catania, waka!”

Rendimento in casa della Lazio
Lo score casalingo della formazione biancoceleste è abbastanza positivo: nelle sei gare disputate allo stadio “Olimpico” quattro successi (1 – 0 al Brescia, 2 – 0 al Napoli, 2 – 1 al Cagliari, 3 – 1 al Bologna), un pareggio (1 – 1 col Milan) e la bruciante sconfitta rimediata nel derby contro la Roma (0 – 2). Nove le reti segnate, cinque quelle incassate.

Rendimento in trasferta del Catania
Nel corso di questo torneo gli etnei hanno raccolto in trasferta solo due punti in virtù dei pareggi col Milan (1 – 1) e con la Sampdoria (0 – 0). Quattro, invece, le sconfitte: 2 a 1 a Verona contro il Chievo, 1 a 0 dal Lecce e dal Genoa, 3 – 1 dal Palermo. Tre le reti segnate, otto quelle subite. L’ultima vittoria esterna del Catania risale il 7 febbraio 2010: 1 a 0 alla Lazio. Da quel match sei sconfitte ed altrettanti pareggi.

Precedenti in serie A
Lazio e Catania si sono affrontate a Roma, in gare valevoli per il campionato di serie A, in undici circostanze. Il bilancio vede prevalere nettamente gli aquilotti biancocelesti, vittoriosi sull’Elefante rossazzurro in sei circostanze; una la vittoria etnea, giunta proprio la scorsa stagione; quattro i pareggi. L’ultimo precedente tra le due formazioni risale allo scorso 7 febbraio: 1 a 0 per gli etnei grazie al primo gol in rossazzurro di Maxi Lopez. Sedici le reti laziali, sette quelle etnee. Nel dettaglio gli undici precedenti tra le due compagini:

1954/55: Lazio – Catania 1 – 0
1960/61: Lazio – Catania 2 – 2
1963/64: Lazio – Catania 0 – 0
1964/65: Lazio – Catania 2 – 2
1965/66: Lazio – Catania 1 – 1
1970/71: Lazio – Catania 1 – 0
1983/84: Lazio – Catania 3 – 0
2006/07: Lazio – Catania 3 – 1
2007/08: Lazio – Catania 2 – 0
2008/09: Lazio – Catania 1 – 0
2009/10: Lazio – Catania 0 – 1

Recuperati Biava e Zarate
Per il match casalingo contro il Catania il tecnico laziale Edy Reja potrà contare sull’apporto del difensore Biava e dell’attaccante Zarate, entrambi ristabiliti dai rispettivi acciacchi fisici. Solo due le defezioni: Meghni e Quadri. In campo spazio anche a Radu e Matuzalem, quest’ultimo in ballottaggio con l’italo- argentino Ledesma. Confermato il modulo 4-2-3-1con: Muslera tra i pali; Lichtsteiner e Radu esterni, Dias ed uno tra Biava e l’ex rossazzurro Stendardo a comporre la coppia centrale del reparto arretrato; Brocchi e Matuzalem saranno i mediani davanti alla difesa; sulla trequarti giostreranno Hernanes, Floccari e Mauri; unica punta Zarate.

L’infermeria si svuota…
Il successo in coppa Italia contro il Brescia oltre al prestigioso superamento del turno ha regalato al tecnico etneo Giampaolo buone notizie riguardanti lo stato di salute di alcuni infortunati come Sciacca, Pesce e Capuano, anche se quest’ultimo si è accomodato solo in panchina. Per la trasferta romana gli indisponibili saranno: Maxi Lopez, squalificato, Augustyn, Spolli, Bellusci, Carboni e Delvecchio tutti alle prese con delle noie fisiche. Probabile, contro i laziali, l’utilizzo del modulo 4-1-4-1 con l’inserimento dal primo minuto di Llama sulla corsia sinistra e Morimoto come unica punta. Non è da escludere l’ipotesi del 4-4-2 con Gomez e Llama sulle fasce e Mascara e Morimoto in attacco. In linea di massima, però, l’undici rossazzurro anti – Lazio dovrebbe essere questo: Andujar in porta; difesa a quattro con Potenza a destra, Alvarez sulla sinistra, Silvestre e Terlizzi coppia centrale; Biagianti davanti alla difesa; a centrocampo Gomez o Mascara sulla destra, Izco e Ledesma coppia centrale, Llama sulla sinistra; in avanti Morimoto unica punta.

Probabili formazioni
LAZIO (4-2-3-1): Muslera; Lichtsteiner, Biava (Stendardo), Dias, Radu; Brocchi, Matuzalem; Hernanes, Floccari, Mauri; Zarate. A disp.: 12 Berni, 13 Stendardo, 14 Garrido, 24 Ledesma, 17 Foggia, 11 Bresciano, 9 Rocchi. All: Reja.

CATANIA (4-1-4-1): Andujar, Potenza, Silvestre, Terlizzi, Alvarez; Biagianti; Mascara (Gomez), Izco, P. Ledesma, Llama; Morimoto. A disp.: 30 Campagnolo, 33 Capuano, 12 Marchese, 17 Gomez, 20 Martinho, 19 Ricchiuti, 9 Antenucci. All: Giampaolo.

ARBITRO: Gava di Conegliano Veneto.

INDISPONIBILI: Meghni, Quadri; Augustyn, Spolli, Bellusci, Carboni e Delvecchio.

SQUALIFICATI: Maxi Lopez

DIFFIDATI: Radu, Lichtsteiner, Dias

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Sport