V Galà dello Sport “La Castagna d’Argento 2010”


I racconti e le emozioni di chi vive lo sport da vicino e di chi crede fortemente nei suoi valori, ispiratori di una vita sana. La serata di ieri, dedicata alla consegna delle Castagne d’Argento 2010 è stata l’occasione, per il quinto anno di fila, per apprezzare qualità, sacrifici, soddisfazioni e, perché no, gloria di campioni, ex campioni, allenatori e dirigenti. Ben otto (dall’alpinismo al volley) le discipline sportive rappresentata al Galà dello Sport organizzato dal Comune di Trecastagni, dalla Provincia regionale di Catania presieduta dall’On. Giuseppe Castiglione e dalla Asd Sicilpool.

I PREMIATI
Nel corso del Galà dello Sport presentato da Ruggero Sardo dell’agenzia Prima Musica, sono stati premiati con la Castagna d’Argento il responsabile nazionale del settore velocità e ostacoli della Fidal Filippo Di Mulo, i maratoneti Filippo Lo Piccolo e Tatiana Betta, il campione di motocross Tony Cairoli, l’associazione Etna nel Mondo (alpinismo), l’organizzatore del giro di Castelbuono Mario Fesi, il giornalista Roberto Gueli, il pilota Angelo Faro, la giocatrice di hockey Sonia Scalia, l’ex pallavolista Massimo Castagna, l’ex calciatore Gianluca Musumeci, l’allenatore del Trecastagni Gaspare Cacciola e il ciclista Concetto Patané. L’organizzazione ha assegnato anche alcune targhe speciali: a Pietro Miria, medico che segue tutte le attività della Sicilpool, a Giovanni Barbagallo, direttore generale della Roomy Club, e alla giovane atleta Martina D’Olica. Un riconoscimento speciale è andato anche ai responsabili e ai ballerini di Danzamica che hanno allietato la serata con tre esibizioni.

LA SERATA (ALL’INSEGNA DELLE EMOZIONI)
In poco più di un’ora e mezza, si è vissuto un concentrato di sensazioni, ma soprattutto di emozioni evocate dalle parole, ma anche dalle immagini. Come quando è stata proiettata l’impresa della staffetta che a Barcellona ha realizzato il record italiano. Emozioni descritte poi da Filippo Di Mulo che ha ricordato di essere “entrato in campo subito dopo l’arrivo per abbracciare ragazzi che hanno scritto una pagina di storia, una pagina che prima apparteneva a grandi atleti come Mennea. Ho rivisto queste immagini un centinaio di volte – ha concluso Di Mulo – ma ogni volta mi brillano gli occhi”. E sull’onda delle emozioni è stata vissuta anche la consegna del premio affidata al maestro Mario Lombardo: “Filippo si merita i riconoscimenti che riceve perché sono frutto del lavoro e della passione”. A proposito di passione, ne ha parlato anche il giornalista della Rai Roberto Gueli, altro premiato illustre, quando gli hanno chiesto del suo lavoro: “Da bambino, a casa, facevo finta di condurre il tg, lanciando servizi immaginari. Questa passione, oltre alle dritte dei colleghi più esperti e all’ambizione mi hanno portato a crescere professionalmente”. Emozionante condurre un tg, ma anche organizzare un evento. Pippo Leone, quando gli parlano della Trecastagni Star (la podistica giunta al suo venticinquesimo anno di vita) non può far altro che commuoversi: “Nel 2011, si gareggerà il primo maggio e vogliamo che la ventiseiesima edizione abbia un risvolto sociale, creando le condizioni perché tutti possano correre quel giorno a Trecastagni”. I duecento presenti nel teatro comunale hanno applaudito i trecastagnesi doc, Gianluca Musumeci e Concetto Patané (emozionatissimo, a proposito) capaci di dare lustro alla cittadina etnea nelle loro rispettive discipline, e anche l’allenatore del Trecastagni calcio, Gaspare Cacciola.

ORGOGLIO SICILIANO
E’ stata anche la serata dell’orgoglio siciliano, testimoniato da uno spigliatissimo Filippo Lo Piccolo, ventesimo alla maratona di New York: “Non si nasce maratoneti, ma lo si diventa con l’esperienza e anche attraverso gli errori commessi. A New York, sono stato felice di rappresentare al meglio la mia terra, la mia Sicilia che sa dare anche tante soddisfazioni”. Dalla maratona al motocross per un altro siciliano illustre, Tony Cairoli. Il quattro volte iridato era impegnato in un importante test così ha ritirato il premio la sorella Nuccia che ha ripercorso gli inizi della carriera di Tony. Orgoglio tutto isolano, anche il giro podistico di Castelbuno, la seconda podistica più antica del mondo dopo Boston. Un pregio testimoniato dall’organizzatore Mario Fesi. Lo stesso orgoglio caratterizza la maratoneta Tatiana Betta, la giocatrice di hockey Sonia Scalia, l’ex pallavolista Massimo Castagna, che ha raccontato della sua partecipazione alle Olimpiadi di Seul, ma anche la spedizione degli alpinisti (tutti siciliani) dell’associazione Etna nel Mondo che l’anno scorso hanno scalato i quasi 7.000 metri dell’Ojos del Salado (Cile), il vulcano attivo più alto del pianeta: “Nel 2009, in questi giorni – ha detto il presidente Luca Ferlito – la bandiera della Sicilia svettava sul vulcano andino”. “Ci stiamo preparando per un'altra impresa”, ha annunciato il capo spedizione Nicola Leo dopo che sono state proiettate alcune immagini della scalata dell’Ojos del Salado.

VULCANICO PRESIDENTE
A proposito, il presidente della Sicilpool Pippo Leone, organizzatore della serata, sarà stato definito “vulcanico” almeno una decina di volte. Conoscendo le sue doti, sono arrivati anche gli inviti, forse impossibili da onorare, come quelli degli alpinisti di Etna nel Mondo, per una prossima spedizione, o del campione nel trofeo nazionale velocità montagna, il pilota Angelo Faro che dopo aver raccontato il grande connubio fra macchina, pilota e team, necessario per vincere, ha invitato Leone a provare anche lui l’ebbrezza della guida veloce in cronoscalata.

IL SOSTEGNO DELL’AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE E COMUNALE
Pippo Leone ha ricordato più volta dal palco, il sostegno della Provincia regionale di Catania e del Comune di Trecastagni, con particolare riferimento al presidente Giuseppe Castiglione e al sindaco Giuseppe Messina.

Simpatia e calore sono giunti durante la serata proprio dall’amministrazione comunale di Trecastagni e dell’amministrazione provinciale (presente il consigliere Edmondo Pappalardo). Gli esponenti del Comune si sono succeduti sul palco, insieme ad altri illustri personaggi come il vice presidente regionale del Coni Genny La Delfa e il presidente provinciale del Coni Pippo Crisafulli per premiare atleti, allenatori e dirigenti, dopo la lettura delle motivazioni affidata a Martina Leone (baby sindaco di Trecastagni). A consegnare i riconoscimenti, oltre al sindaco Giuseppe Messina, il vicesindaco Cirino Torrisi, l’assessore allo Sport Salvo Lo Monaco, l’assessore al Bilancio Rosario Di Stefano e il presidente del Consiglio comunale Armando Sorbello. Presente anche il presidente regionale della Fin Sergio Parisi. “Voglio ringraziare l’organizzazione, il presidente della Provincia on. Castiglione, da sempre vicino agli eventi sportivi – ha detto il sindaco Messina – e ribadire a Pippo Leone che può contare su di noi. Quando lo sport chiama, noi rispondiamo: presenti”.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Sport