Moda donna, torna il gilet, accattivante e puritano

Il gilet, l’indumento che più ha contraddistinto l’abbigliamento uomo, dalla mascolinità siciliana alla più classica alta-moda sposo, torna aggressivamente nei nostri guardaroba ma… torna ricoperto, anzi scoperto, di una sottile modifica, qualche taglia in meno.

Il gilet, o il più anglosassone waistcoat, bussa agli armadi della donna "androgena" con una disarmante prepotenza e veste la stessa di decisione e dinamismo.

In cotone o stoffa, in cachemire o in lanina, di evidente ispirazione inglese, il gilet vuole a tutti i costi, centrando l’obiettivo, donare alla donna una decisamente accattivante femminilità rendendola simile all’uomo…cui la freccia è lanciata.

Un furto che mira al traguardo, un'apparente incongruenza per una maschilista femminilità, tramata quasi per prendersi gioco del “sesso forte” e impossessarsene lasciandolo privo dei suoi indumenti. E perché no? Chi vuol essere deciso sia, il gilet si porta dietro tutto il suo scenario, quello da vero uomo, dalla cravatta alla camicia bianca, dai pinces al trilby.

Una moda, quella che lancia il gilet, che veste la donna da uomo e una donna che più eccede godendo del piacere di vestire il “classico uomo” più diventa disarmante e stravagante, non rinunciando, semmai aumentando, e infinitamente, la sua femminilità.

Classico e stravagante, dinamico e disciplinato, puritano e terribilmente sexy, il gilet quest’anno di maschile avrà solo il nome e sarà indossato dalla donna…che non deve chiedere mai.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Stile&Tendenze