(Flickr)

Amicizie su Facebook, ecco il numero ideale

Più ne hai, meglio è. Pare questa la tendenza della maggior parte degli utenti di Facebook in ambito di amicizie. Nel social più popolare al mondo le amicizie virtuali si tramutano spesso in bigliettini da visita. Più lunga è la lista, miglior figura si fa con gli altri.

SE VALESSE IL PROVERBIO…
Chi trova un amico trova un tesoro. Ma l’amicizia diventa nel virtuale un non-valore. Un “marchio di quantità”. Ciò, non si sa ancora per quale imprecisata regola sociale new age, conferisce qualità al proprio profilo personale. Con la parvenza di porre la persona, agli occhi degli altri, come ben accetta dalla comunità, espansiva, estroversa e dal larghissimo giro di conoscenze. Un sovversione radicale, in grado di spedire un paio di princìpi etici tradizionali direttamente sulla brace.

Le richieste a pioggia di stabilire un’interazione si susseguono con facilità irrisoria. Un modus operandi che sostituisce sempre più il reale “ciao, lieto di conoscerti”, così come la concreta stretta di mano.

IL NUMERO PERFETTO
Sapete quanti rapporti interpersonali è umanamente concepibile intrattenere simultaneamente? Non più di centocinquanta. Su questo aspetto socio-antropologico le distanze tra virtuale e reale si annullano. La stessa cifra è difatti corrispondente per il numero di persone con le quali potersi relazionare nella vita di tutti i giorni.

UN LIMITE MENTALE
L’antropologo Robin Dunbar, dell’Università di Oxford, ha studiato il fenomeno delle interazioni su social network come Facebook, Bebo e MySpace.

I risultati, incrociati con approfondimenti di carattere sul genere umano, parlano chiaro. Per limiti naturali della neocorteccia cerebrale è impossibile essere amici con più di 150 persone.

Una statistica che combacia con le cifre ufficiali del social: Facebook riferisce che il numero medio di amicizie di un utente si aggira intorno a 130. Il resto della “tribù” cade nell’oblìo del web. Vuoto, dimenticatoio. Le amicizie virtuali rimanenti sono destinate a sfilacciarsi prima e deteriorarsi poi, fino a disfarsi totalmente nel giro di pochissimi giorni o addirittura ore.

Perfino l’analisi dei traffici all’interno della realtà virtuale dà ragione agli studi del professor Dunbar: anche le persone che vantano 1500 ed oltre amicizie, finiscono sempre per interagire con un numero di soggetti identificabile intorno alle 150 unità. Non di più. Gli altri….chi li conosce?

UNA MODA TUTT’ALTRO CHE ESALTANTE
Diventa un vanto femminile avere l’amicizia del modello o vip di turno. Maschietti pavoneggianti fanno bella mostra del loro elenco, debordante di fanciulle mai viste ne conosciute di persona. Moda, trend, tendenza dei tempi moderni. L’uso ed abuso dalla parola “amicizia” imperversa. E quello che un giorno era un valore prezioso e raro da dover custodire con gelosia, adesso tende sempre più a svuotarsi.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Tecnologia & Media