(Flickr.com)

10 anniversario della missione Cluster

La missione Cluster dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) celebra il suo decimo anniversario, una decade nella quale i quattro satelliti della missione hanno fornito percezioni straordinarie sulla invisibile ma poderosa interazione tra il Sole e la Terra.

I quattro satelliti di Cluster, Rumba, Samba, Salsa e Tango, viaggiano in formazione attorno alla Terra per fotografare in 3D come il continuo flusso del vento solare caricato di particelle o plasma del Sole colpisca l'ambiente dello spazio più vicino alla Terra e la sua sfera protettiva nota come "magnetosfera".

Occasionalmente, il vento solare diventa turbolento, producendo particelle ad alta energia. Queste tempeste nella magnetosfera possono alterare i sistemi elettrici a bordo dei satelliti, e nei casi peggiori, possono addirittura distruggere i componenti elettronici a bordo dei satelliti.

"Cluster ci ha fornito una ricchezza di dati per capire i processi fisici che stanno dietro alla meteorologia spaziale ", dice Philippe Escoubet, l'ASE Cluster Mission Manager.

"Le osservazioni - continua Escoubet - hanno rivelato un universo drammatico di violenza invisibile. Cluster ha indagato come il vento solare penetri lo spazio vicino alla Terra, scoprendo che, in determinate circostanze, vortici magnetici più grandi di tutta la Terra bucano la nostra magnetosfera, iniettando particelle velenose. Quando queste particelle del vento solare raggiungono l'atmosfera terrestre, si verifica il sublime bagliore delle aurore Nord e Sud. Anche in questo caso Cluster è stato di grande aiuto per spiegare meglio il fenomeno".

Cluster ha confermato che le aurore nere, strano fenomeno elettrico che genera buio nelle regioni del Nord e del Sud, sono una sorta di 'anti-aurora', che succhiano elettroni dalla ionosfera.

DAL DISASTRO AL SUCCESSO IN UN DECENNIO
Cluster ha inanellato una serie di successi straordinari per la scienza. Ma tali successi sono venuti dopo un inizio disastroso e drammatico, quando, il 4 giugno 1996, il primo quartetto Cluster venne distrutto nel lancio della Ariane 501.

I satelliti sono stati ricostruiti e lanciato solo quattro anni più tardi. "E 'stato un risultato enorme per tutto il team per la ricostruzione, verificare e rilanciare questa missione in un tempo così breve", afferma John Ellwood, in quel momento l'ESA Cluster Project Manager.

La seconda volta, Cluster è stato inviato in orbita due satelliti alla volta con lanciatori russi Soyuz. La prima coppia è decollata dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan il 16 luglio 2000, e la seconda coppia un mese dopo. Tutti e quattro i satelliti da allora girano attorno alla Terra in formazione.

Da allora è iniziato un decennio di scienza straordinaria, in cui Cluster aiuta gli scienziati a capire come si comporta il plasma in tutti gli ambienti. Con i quattro satelliti ancora in ottime condizioni, la missione è stata estesa fino al 2012.


blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Tecnologia & Media