In Sicilia emergenza incendi

Inarrestabile in Sicilia, il dilagare degli incendi boschivi, nonostante a livello nazionale il dato sulla superficie boschiva data alla fiamme sia notevolmente diminuito: sull'Isola invece, fanno sapere fonti di Legambiente, il fenomeno è aumentato nell'ultimo anno del 34 per cento.

A illustrare i dati è stata Legambiente durante la presentazione della campagna "Non scherzate col fuoco", campagna di monitoraggio, prevenzione e informazione promossa insieme al dipartimento della Protezione civile, che ha fatto tappa a Petralia Sottana (Palermo), nel territorio del Parco delle Madonie.

In tutto il territorio regionale, nel 2010 si sono verificati ben 1.159 roghi che hanno arso 20.258 ettari, di cui 7.242 di boschi e foreste, con un'estensione media di 17 ettari per ciascun evento.

Nel 75 per cento dei casi gli incendi sono di matrice dolosa con interessi della criminalità. Legambiente stima che nel biennio 2009-2010 il giro d'affari legato al rimboschimento, sia stato di oltre sedici milioni di euro, visto che il rimboschimento di un ettaro bruciato costa 2 mila euro.

Palermo è la provincia più colpita dalle fiamme: 202 incendi per 6.649 ettari distrutti, mentre Ragusa è quella meno interessata dal fenomeno con 47 incendi che hanno percorso 237 ettari. Nel 2010 sono state 246 le amministrazioni locali siciliane che hanno dovuto rispondere all'emergenza incendi, oltre il 60 per cento di tutti i Comuni siciliani. Di questi il 19 per cento nel Messinese e il 14 per cento nel Palermitano. I sindaci sono comunque promossi: il 73% dei Comuni svolgono un buon operato sul fronte della prevenzione. Tuttavia, il catasto delle aree percorse dal fuoco, è stato realizzato e aggiornato solo dal 46% dei Comuni siciliani.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Turismo